Troppa creatività per la pizza?

Le alternative a quella tradizionale sbalordiscono il popolo della rete, dalla pizza con i kiwi e quella con tonno e banane

Troppa creatività per la pizza?

Dall’oramai “rinomata” pizza all’ananas e prosciutto al più recente scandalo suscitato da quella servita con banane e tonno in superficie, le interpretazioni più spericolate di uno dei prodotti italiani più amati nel mondo non fanno quasi più notizia. Sui social, tuttavia, continuano a suscitare interesse, spesso indignazione, scatenando i commenti più bizzarri.

L’ultima immagine divenuta virale in questi mesi ritrae una pizza con prosciutto, mozzarella e kiwi. Chi ha scattato la foto si chiama Stellan Johansson, svedese e “chiaramente” appassionato di sperimentazioni gastronomiche; al punto da andare in pizzeria in compagnia del frutto esotico e chiedere al pizzaiolo di realizzare l’originale piatto. La foto è circolata su diverse piattaforme e il suo autore ha dichiarato di aver gradito il sapore della sua creazione.

Parole che hanno sollevato ulteriori polemiche, da parte di utenti della rete evidentemente poco occupati in altre faccende e desiderosi di difendere l’identità della pizza. La stessa dinamica social si era verificata, qualche settimana prima, quando tale Lewis Mitchell, cliente di un locale scozzese, aveva comunicato alla rete, con tono incredulo e parole piuttosto chiare la scoperta di un piatto particolare in menu: la pizza con tonno e banane.

Preparazioni che non saranno certo nella lista delle ricette da provare, per più di qualcuno. Rappresentano comunque una testimonianza di creatività… ma forse un po' troppo spinta? Ad onor del vero, non abbiamo assaggiato né l’una né l’altra pizza; forse, in questo caso, la sola immaginazione può essere sufficiente. Se non altro, tali abbinamenti hanno il merito di ricordarci che spesso la frutta figura, con successo, tra gli ingredienti cardine di diversi piatti salati.

È il caso, per esempio, della bistecca di maiale affiancata alla mostarda di mele, vera delizia sperimentata in Irlanda qualche tempo fa. Per restare in Italia, il principe degli antipasti continua ad essere, in molti ristoranti, il classico piatto di prosciutto e melone. Frutto che sta bene anche nella panzanella toscana. Se invece si sta pensando ad un secondo piatto ricco e raffinato, perché non provare le albicocche caramellate con gli scampi alla piastra? Anche l’idea dell’insalata con il pollo e l’uva non è male. In fondo, il buono è nel palato di chi gusta, come la bellezza negli occhi di chi guarda.


Fonte: Il Fatto Quotidiano

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli