L’importanza del benessere animale

I consumatori sono sempre più attenti alle condizioni garantite agli animali in vita

L’importanza del benessere animale

In occasione della recente firma del protocollo Inalca a Roma – sistema volto a fornire nuovi criteri di qualità per gli allevamenti bovini – Coldiretti e Ixè hanno presentato un’analisi secondo la quale ad oggi due italiani su tre sarebbero disposti a pagare di più per carne ottenuta nel massimo rispetto del benessere animale

Dalla corretta gestione dello spazio disponibile per ogni animale in crescita, al monitoraggio del microclima e la messa in atto di pratiche di biosicurezza, senza trascurare la nutrizione e l’organizzazione delle mandrie, le nuove misure avranno un impatto importante sull’intero settore delle carni bovine nazionali, grazie anche alla sigla di accordi di filiera con Coldiretti. 

Ben il 95% degli italiani consuma regolarmente carne, portando in tavola porzioni medie che oscillano tra i 100 ed i 200 grammi. Un consumo dunque che dai dati risulta essere equilibrato e ben al di sotto del limite massimo raccomandato settimanale. Ma dove già gli standard qualitativi di filiera sono elevati, questo nuovo intervento dimostra che è possibile fare ancora di più per migliorare sia il prodotto finale che soprattutto il benessere degli animali. 

In Italia quella verso la qualità è sempre più una marcata svolta, con il 45% dei consumatori che privilegia la carne proveniente da allevamenti nazionali, il 29% che sceglie carni locali e il 20% quelle DOPIGP o dotate di altre certificazioni di origine. Scegliere carni made in Italy è importante anche per sostenere un intero sistema fatto di animali, di campi, di fattorie, e soprattutto di persone, ogni giorno impegnate nel comunicare la propria “differenza”.


Fonte: Foodweb

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli