Cenare… in fondo al mare

Alla scoperta dei ristoranti sottomarini, dalle Maldive alla Norvegia, per emozionarsi di gusto rigorosamente in immersione

Cenare… in fondo al mare

Siamo abituati a pensare che i sottomarini siano esclusivamente dei mezzi navali che viaggiano immersi nel mare, per scopi militari o scientifici: ma non tutti sanno che, da qualche tempo, esistono anche esclusive location “in fondo al mar” (sulle note della celebre canzone de La Sirenetta Disney) dove è possibile sedersi a tavola di fronte a piatti fumanti, sentendosi avvolti dall’azzurro abbraccio del dio Poseidone.

Si tratta di veri e propri ristoranti, che si trovano per lo più in località turistiche, come le isole Maldive e la Norvegia, dove di recente è stato aperto il primo ristorante sottomarino d’Europa.

Posti esclusivi che vantano cucine e sale da pranzo posizionate a 5 e più metri sotto il livello del mare, tra tartarughe, coralli e pesci di ogni genere.

Il ristorante norvegese festeggerà il suo primo anno di vita “sottomarina”, il prossimo marzo. Si trova a Lindesnes, nel Sud del paese nordico, ad 85 chilometri dall’aeroporto di Kjevik. Se vi state chiedendo quale possa essere il suo aspetto, sul web è possibile trovare un’ampia scelta di immagini che ritraggono la sua struttura monolitica, lunga 34 metri. Oltre ad essere il primo in Europa, Under, questo il nome del ristorante, è anche il più grande al mondo. È infatti in grado di accogliere fino a 100 persone e dispone di circa 40 coperti.

Una vetrata più che ampia offre ai clienti dell’Under, termine che tradotto in italiano significa “sotto”, una vista straordinaria sull’universo mare. I piatti che compongono il suo menu sono preparati con ingredienti scelti, di ottima qualità. Quanto al pesce, si può ammirarlo al di là delle vetrate e contestualmente assaporarlo a tavola, nel rispetto dell’ecosistema del Mar del Nord. Dalla cucina dell’Under assicurano la massima sostenibilità delle attività di pesca svolte in zona.

Per pranzare o cenare “sott’acqua” occorre disporre di tempo e naturalmente denaro (un pasto base costerebbe intorno ai 220 euro, bevande escluse). Il tempo è quello necessario a garantirsi un tavolo. Ogni mese vengono aperte le prenotazioni per i sei successivi.

Se non si è troppo attratti dai paesaggi nordici, ma si desidera ugualmente sperimentare un pasto in compagnia delle creature marine, l’altra opzione è quella rappresentata dalle isole Maldive. Sull’atollo di Raa si trova l’H2O, un ristorante immerso nell’Oceano Indiano, a 6 metri di profondità. È decisamente più piccolo del norvegese Under ma offre una vista incredibile su un panorama azzurro, interrotto soltanto dai colori dei tonni, degli squali e dei pesci pappagallo.

Il primo ristorante sottomarino fu aperto proprio alle Maldive, nel 2005. È tuttora attivo e si chiama Ithaa Undersea Restaurant; dalla sua cupola si gode una vista a 180 gradi. Tra i piatti in menu, una specialità italiana: i paccheri con porcini, mozzarella di bufala, carciofi e pistacchi. A quanto pare, non si fa a meno della cucina mediterranea nemmeno nelle profondità dell’Oceano Indiano.


Fonte: Wired

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli