Le creanze a ttavola

Un sonetto romanesco tratto dalle celebre raccolta di Gioacchino Belli, che ci trasporta in modo goliardico nelle buone maniere a tavola

Le creanze a ttavola

1614. Le creanze a ttavola 

Sú er barbozzo 1 dar piatto. Uh cche ccapoccia! 2 
Madonna mia, tenéteme le mane. 
Sora golaccia, aló, 3 mmaggnamo er pane, 
presto, e ar cascio 4 raschiamoje la coccia. 5 

E adesso che pprotenni 6 co sta bboccia? 7 
De pijjà ’na zzarlacca? 8 Er ciurlo 9 cane! 
Se n’è strozzate 10 du’ fujjette sane, 
e mmó sse vò 11 assciugà ll’úrtima goccia! 

Bbe’, ssi 12 avete ppiú ssete sc’è la bbrocca. 
Ggiú er bicchiere, e iggnottite 13 quer boccone, 
ché nun ze 14 bbeve cor boccone in bocca. 

Eh cciancica, 15 te pijji una saetta! 
Nun inciaffà, 16 ingordaccio bbuggiarone... 
E la sarvietta? 17 porco; e la sarvietta? 

Giuseppe Gioacchino Belli, 31 agosto 1835
Tratto da Giuseppe Gioacchino Belli, Sonetti romaneschi 2, Città di Castello, S. Lapi, 1886

Note al testo
1 Il mento. 
2 Che testa. 
3 Andiamo, presto.
 4 Al cacio. 
5 Raschiamogli la scorza. 
6 Che pretendi. 
7 Caraffa. 
8 Di pigliare una imbriacatura. 
9 Imbriaco. 
10 Se n’è ingoiato. 
11 Ed ora si vuole. 
12 Se. 
13 Inghiottite. 
14 Non si. 
15 Mastica. 
16 Non aggiungere boccone a boccone. 
17 Salvietta.

Scritto da Sara Albano

Diplomata al liceo linguistico internazionale di Taranto, sua città di nascita, raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi nella food valley d’Italia, conseguendo la laurea magistrale in scienze gastronomiche presso l’Università di Parma, per poi intraprendere un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania, dopo il quale ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl,  dove si occupa oggi di back office, redazione e project management a 360°, sia in ambito di ristorazione ed eventi, che in ambito di attività che coniugano la gastronomia ai settori dell’editoria, del marketing e della comunicazione. 

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli