Un pranzo memorabile

In vista delle gioie della tavola natalizia, abbiamo scovato i versi del poeta napoletano Salvatore Di Giacomo: raccontano un pranzo indimenticabile

Un pranzo memorabile

Mi ha tanto colpito per la sua grazia, compostezza, garbo e una sottile ironia finale, questa piccola lirica di Salvatore Di Giacomo, poeta, drammaturgo e saggista napoletano (Napoli, 1860 – 1934), del quale molte poesie sono state trasformate in canzoni famose. Pubblicata in “L’Apollo buongustaio” del 2001, almanacco gastronomico ideato da Mario dell’Arco, è una poesia dedicata a due amici di famiglia (Salvatore ed Elisa Lionetti) che avevano offerto un graditissimo pranzo al poeta napoletano, il quale ringrazia esaltando tutte le portate del pranzo e tutti i presenti, compresa la “servetta” di casa. Ironicamente conclude con la richiesta di un litro d’olio almeno: un modo originalissimo per ringraziare e nello stesso tempo chiedere un regalo a ricordo del bell’evento!

Egregio Cavaliere, il pranzo è stato
Di quelli che si chiamano perfetti!
Voi siete il cavaliere più aggraziato
Della nobile stirpe dei Lionetti!
Siete un Lione! E donn’Amalia stessa
è la più dolce e tenera Lionessa!

Benedetta la man che il vino antico
In antichi cristalli accorta mesce!
La man che porge il disseccato fico,
la coscia di pollastro e il fresco pesce!
E (come all’uso nostro far si suole)
presenta, a un tratto, aulive e puparuole! (*)

Chi potrà mai dimenticar la bionda
genovese, così ben contornata,
la pera in cui, beato, il dente affonda,
e quella pizza dolce impercocata?!
O pizza, o pizza! Specialmente tu!
Ca te teneva nganna ‘a n’anno e cchiù!... (**)

Salve o gran cavaliere! E voi felice
ed amabile sposa, industre e lieta,
accettate pur voi quel che vi dice
il vostro devotissimo poeta.
Salve anche tu, tu pur, più che perfetta
del tuo padrone omonima servetta!

Gente felice! Che vi sia serbato
un monumento d’oro in Campidoglio!
(e sarà certo assai più meritato
se un litro almen procurerete d’oglio
a chi ricambia con sincero ardore
l’affetto vostro).

Salvatore Di Giacomo
Testo liberamente tratto da “L’ Apollo Buongustaio” 2001, Ed. L’Aura di Roma

Note al testo
(*) olive e peperoni
(**) ti tenevo in gola, ti desideravo fortemente da un anno e forse più

Scritto da Luciano Albano

Laureatosi nel 1978 con lode in Scienze Agrarie, presso l'Università di Bari, si è specializzato nel 1980 in "Irrigazione e Drenaggio dei terreni agricoli" presso il C.I.H.E.A.M. (Centro Internazionale di Alti Studi Agronomici del Mediterraneo) di Valenzano (Bari), ha conseguito nello stesso anno anche l'abilitazione alla professione di Agronomo. Fino al 1/3/2018 ha lavorato alla Regione Puglia nell'Ufficio Territoriale di Taranto, quale Responsabile della P.O. "Strutture Agricole". Appassionato di olio e vino ha conseguito il Diploma di Sommelier AIS nel 2005 e ottenuto nel 2008 l'Attestato di Partecipazione alle Sedute di Assaggio ai fini dell'iscrizione nell'Elenco Nazionale di Tecnici ed Esperti degli oli di oliva extravergini e vergini. Fino al 2018 è stato iscritto all'Albo Provinciale dei Dottori Agronomi e Forestali e come CTU presso il Tribunale di Taranto. Ama il food & beverage e ne approfondisce i vari aspetti tecnici, alimentari e storici

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli