A tavola con le lenticchie

Gli abbinamenti in cucina con il più antico legume coltivato dall’uomo, le lenticchie, irrinunciabili sulla tavola di fine e inizio anno

A tavola con le lenticchie

E’ difficile pensare alle festività natalizie senza ricollegarle anche al pensiero del prelibato zampone con lenticchie, che si consumerà nella notte di fine anno: un’usanza della tradizione nazionale, dovuta alla credenza per la quale le lenticchie simboleggiano la prosperità e il denaro, in quanto queste possiedono una forma che ricorda quella delle monete.

La lenticchia è una pianta dicotiledone annuale della famiglia delle Fabaceae (meglio conosciute con il nome di Leguminose), che comprende quattro sottospecie, di cui la Lens culinaris subsp. culinaris è quella coltivata e commestibile. La lenticchia rappresenta una delle prime specie domesticate dall’uomo per utilizzarne i semi commestibili, ricchi di proteine e di ferro.

La lenticchia è originaria delle regioni temperate calde del mondo antico: Sud-Est dell'Europa, Asia Minore e Centrale e Vicino Oriente. Oggi questa pianta non cresce praticamente più allo stato selvatico, ed i suoi maggiori produttori mondiali sono India, Canada, Turchia e Australia.

Svariate sono le cultivar di lenticchie diffuse in tutto il mondo: in Europa in particolare, alcune sono state riconosciute come prodotti tipici, come la lenticchia di Castelluccio di Norcia IGP in Italia e la lenticchia verde di Puy AOC in Francia.

Commercialmente le cultivar si possono dividere in base al colore - verde (Richlea, Laird), giallo, rosso, marrone (Masoor dalla buccia marrone e l'interno aranciato) - e alla taglia (piccole, medie e grandi). Inoltre possono trovarsi in commercio anche nella versione decorticata, dai tempi di cottura più brevi rispetto a quelle classiche.

Le lenticchie sono vantaggiose in cucina per diversi motivi. Innanzitutto sono economiche, poi sono facili e più rapide da cucinare rispetto agli altri legumi secchi. Sono inoltre versatili in cucina e si adattano a diverse ricette e abbinamenti dai più classici ai più insoliti, come quelli che vi raccontiamo di seguito.

Lenticchie & Crucifere: il sapore morbido e dolce delle crucifere, dal cavolfiore al broccolo e i cavoletti di Bruxelles, si distingue grazie ad una caratteristica nota sulfurea, la quale possiede la caratteristica di essere percepita più all’olfatto che al palato. Le lenticchie saranno un ingrediente che con il loro gentile sapore “terroso” riusciranno ad attenuare di molto questi odori, andando a sposarsi ottimamente con le crucifere anche in fatto di consistenza, che si tratti di una pasta o di una minestra a base di cavolfiori e lenticchie.Ecco qui la deliziosa ricetta della minestra di lenticchie, gamberi e broccoli di Fabio Campoli, o ancora quelle dei fagottini broccoli, salsiccia e lenticchie e di un gustoso pokè fusion!

Lenticchie & Salumi suini: non solo l’amato zampone (o il cotechino), ma anche altri prodotti ottenuti dalla lavorazione delle carni di maiale saranno ottimi per arricchire passate, zuppe, paste, e perché no per ideare gustosi contorni o piccoli entrée. Ad esempio un battuto finissimo di lardo arricchito con aglio e rosmarino, o ancora pancetta e guanciale cotti fino a diventare croccanti, ed ancora lo speck, che tagliato a julienne e lasciato asciugare in padella, donerà alle ricette a base di lenticchie un piacevole sentore affumicato.

Lenticchie & Rana pescatrice: questo prodotto del mare si contraddistingue per la parte terminale del suo corpo (conosciuta anche con il nome di “coda di rospo”), le cui carni risultano essere particolarmente spesse, succose, magre, ricche di sapore. Cuocendole delicatamente al vapore, o in alternativa in padella o in forno (ponendo ancor più attenzione con questi mezzi a non stracuocere il prodotto), potrete abbinarle con successo ad una passata di lenticchie profumate al timo per un elegante secondo piatto, oppure sfaldarle e aggiungerle ad una insalata di lenticchie da servire a vostra scelta calda o fredda, brodosa o asciutta.

Lenticchie & Melanzane: un ottimo espediente per arricchire ancor più di gusto preparati vegetariani fatti in casa come crocchette e burger vegetali! Le melanzane, lessate o cotte al forno fino a diventare ben cedevoli, con la loro consistenza spugnosa ed il sapore delicato, saranno ideali per accogliere le lenticchie sia intere che sotto forma di purea, per costituire un’ottima base per reinventare prodotti da friggere o soffriggere in padella. Provate la ricetta dei bocconcini di lenticchie e melanzane di Fabio Campoli!

Lenticchie & Cioccolato: un’accoppiata più che vincente, che abbiamo imparato sempre nella cucina del nostro Fabio Campoli, che le abbina sapientemente in un composto che diventa farcitura di una gustosissima crostata (qui la ricetta!). Ma perché non provare questo abbinamento anche quando vi starete preparando una squisita cioccolata calda, aggiungendovi della purea di lenticchie non solo come insospettabile insaporitore, ma anche per aggiungere proteine, fibre e sali minerali al vostro irrinunciabile piacere? 

Scritto da Sara Albano

Laureata in Scienze Gastronomiche , raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi a Parma (dopo aver frequentato il liceo linguistico internazionale), conseguendo in seguito alla laurea magistrale un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e frequentando infine il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania. Dopo questa esperienza ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl, , dove riesce ad esprimere la propria passione per il mondo dell'enogastronomia e della cultura alimentare in diversi modi, occupandosi di project management in ambito di promozione, eventi e consulenza per la ristorazione a 360°, oltre ad essere referente della comunicazione on e offline di Fabio Campoli e parte del team editoriale della rivista Facile Con Gusto.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli