Un fungo arrosto

Mario dell’Arco racconta in versi l’emozione di raccogliere e assaporare un fungo di bosco cotto arrosto con aglio e olio

Un fungo arrosto

Un fungo arrosto

Trafitto d’aijo, spennellato d’ojjo, 
e cotto arrosto, maggno
un fungo e sto in un bosco. 
L’ariconosco. A un passo er lago: l’onne
se smorzeno a li piedi der castaggno. 
Maggno un fungo e cammino
su un tappeto de fronne
morte: m’inchino e cojjo
una fravola. Un’ora, 
ho maggnato da un’ora un fungo e ancora
cammino dentro a un bosco. 

Mario dell’Arco
Brano tratto da AA.VV., L’Apollo Buongustaio – Almanacco gastronomico per l’anno 1989

Photo by Pexels


 

Scritto da Sara Albano

Laureata in Scienze Gastronomiche , raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi a Parma (dopo aver frequentato il liceo linguistico internazionale), conseguendo in seguito alla laurea magistrale un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e frequentando infine il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania. Dopo questa esperienza ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl, , dove riesce ad esprimere la propria passione per il mondo dell'enogastronomia e della cultura alimentare in diversi modi, occupandosi di project management in ambito di promozione, eventi e consulenza per la ristorazione a 360°, oltre ad essere referente della comunicazione on e offline di Fabio Campoli e parte del team editoriale della rivista Facile Con Gusto.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli