Mais e patate nel '600

Nel trattato dello scalco toscano Antonio Frugoli si trova una delle prime citazioni italiane del mais e delle patate in cucina

Mais e patate nel '600

 

 

 

 

 

 

 

 

“Verso la modernità: il Seicento”, tratto da “L’italiano del cibo” di G. Frosini e S. Lubello, Carocci Editore
Clicca sull’immagine per ingrandirla e leggerla

Gastronomicamente parlando, il Seicento ha rappresentato un secolo di transizione, sia per l’Italia che per diversi altri paesi europei. Una delle motivazioni giace nell’arrivo di ingredienti nuovi dal territorio americano, che spesso non si sa ancora bene come trattare in cucina. Nel trattato dello scalco toscano Antonio Frugoli (Pratica e scalcaria, 1631) si trovano quelli che sono i primi contenuti di un libro italiano riguardanti prodotti assolutamente innovativi per il tempo, quali il mais e le patate, che il Frugoli aveva avuto modo di conoscere nel corso di un soggiorno in Spagna.  Nel ritaglio che potrete leggere qui sopra, l’autore si riferisce al mais con il nome di formentone, ossia di “grosso frumento”, data la maggiore dimensione dei chicchi e l’altrettanta grande versatilità in cucina in qualità di graminacea.  

Con il libro “L’italiano del cibo” potrete vivere una rassegna storica della cultura gastronomica italiana dal tardo Medioevo ai giorni nostri, resa unica da approfondimenti legati all’essenza e all’evoluzione di particolari aspetti linguistici e lessicali del nostro idioma. 

Photo made in AI

Scritto da Sara Albano

Laureata in Scienze Gastronomiche , raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi a Parma (dopo aver frequentato il liceo linguistico internazionale), conseguendo in seguito alla laurea magistrale un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e frequentando infine il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania. Dopo questa esperienza ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl, , dove riesce ad esprimere la propria passione per il mondo dell'enogastronomia e della cultura alimentare in diversi modi, occupandosi di project management in ambito di promozione, eventi e consulenza per la ristorazione a 360°, oltre ad essere referente della comunicazione on e offline di Fabio Campoli e parte del team editoriale della scuola di cucina online Club Academy e della rivista mensile Facile Con Gusto.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli