Sfreedo

Il portale campano che semplifica l’incontro tra esercenti e consumatori nella lotta contro lo spreco di cibo

Sfreedo

Sfreedo rappresenta una novità assoluta nel mondo dell’innovazione rivolta al settore alimentare e alla lotta globale per il benessere del pianeta.

Sfreedo è una società nata nel 2015 a Caserta, con l’obiettivo di affrontare un problema molto noto in questo ultimo secolo: il consumismo alimentare. 

Quello di Sfreedo è un modello etico di consumo che ha come protagonisti un team di ragazzi campani guidati da Michele Bellocchi, CEO e creatore dell’azienda.

La società, dal nome assolutamente evocativo, affonda la sua missione, appunto, nella lotta allo spreco di cibo con un semplice servizio di incontro tra domanda e offerta.

Sfreedo è rivolto sia a consumatori che esercenti e permette lo smaltimento a basso costo o addirittura gratuito, di prodotti alimentari da consumare in breve termine, con packaging o etichette danneggiati o ancora in surplus per troppo approvigionamento.

Ma come funziona? 

Iscrivendosi al portale sfreedo.com,  viene offerta, agli esercenti, la possibilità di pubblicizzare (il primo mese gratuitamente, e in seguito a pagamento) grazie ad una lista Whatsapp la propria merce vicina alla scadenza e disponibile alla vendita. Al consumatore, invece, si dà l’opportunità di conoscere in tempo reale i punti vendita più vicini in cui acquistare. 

In questo modo, attraverso un sistema di notifiche, ai compratori verranno segnalati i prodotti in vendita nell’immediato e i commercianti - segnalati come “sfreedo point” - vedono risolversi meglio il problema di possedere merce invenduta.

Quello di Sfreedo è un servizio che al momento ha già salvato 90 tonnellate di cibo dal macero, permettendo agli utenti, più di settemila attivi, l’acquisto di prodotti di qualità o freschi ottenendo un risparmio certo sugli acquisti del 20% che può arrivare fino al 100%.

Agli esercenti invece, il guadagno di non aver buttato merce ancora buona che difficilmente verrebbe venduta presso i propri negozi.

E se ancora non foste convinti della filosofia di Sfreedo, sappiate che i prodotti invenduti vengono devoluti ad alcune ONLUS aderenti al circuito.

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli