Quando il fritto è rotondo

Tanti luoghi lontani, usi tradizioni e civiltà differenti, ma due fattori comuni: olio caldo e forma rotonda per fritti unici in tutto il mondo

Quando il fritto è rotondo

Oggi proviamo a "rotolare" insieme da un posto all’altro del mondo alla scoperta di fritti...perfettamente rotondi! Scopriamone diversi e capiamo se ci sono punti in comune. 

I sata andagi sono panini dolci fritti di pasta simile alle ciambelle, originari della Cina meridionale, lì chiamati sa-yung, usanza che poi si diffuse nella prefettura giapponese di Okinawa. Sono anche popolari alle Hawaii, a volte conosciuti semplicemente come andagi. Il sata andagi si ottiene mescolando farina, zucchero e uova. Gli ingredienti vengono mescolati a formare delle palline e poi fritti. Nel suo nome di Okinawa, saataa significa "zucchero", mentre andaagii significa "fritto" ("olio" (anda) + "fritto" (agii)) in Okinawa (satō e abura-age in giapponese). 

I sata andagi fanno parte della cucina di Okinawa. Come la maggior parte dei dolciumi delle isole Ryukyu, le tecniche per realizzarli discendono da una combinazione di tecniche cinesi e giapponesi.  In genere vengono preparati in modo che l'esterno sia croccante e dorato mentre l'interno sia leggero e simile a una torta. L’accostamento più immediato viene con l’immancabile gelato fritto. Dove abbiamo esattamente lo stesso risultato: una panatura croccante e calda esterna, che racchiude un cuore freddo e morbido. È necessaria una pastella leggera capace di dorare velocemente senza far penetrare troppo il calore all’interno, compromettendo la consistenza del gelato

Se cabiamo zona, I lokma (in turco), noti anche come luqma (in arabo), loukoumádes (in greco) e altri nomi in altre lingue, sono frittelle dolci a base di pasta lievitata e fritta, imbevute di sciroppo di zucchero o miele, a volte ricoperte di cannella o altri ingredienti. Il piatto fu descritto già nel XIII secolo da Al-Baghdadi come luqmat al-qādi, "bocconcini del giudice". Lokma significa infatti "boccone" o "morso".

La ricetta dei luqmat al-qadi, pasta lievitata fritta in olio e cosparsa di miele o sciroppo di zucchero con acqua di rose, risale almeno al periodo medioevale e al Califfato abbaside del XIII secolo, dove è menzionata in molti dei libri di cucina esistenti dell'epoca. Il dolce viene anche menzionato in Le mille e una notte, nelle novelle "Il facchino" e "Le tre signore di Baghdad". Oggi, nei paesi arabi del Golfo Persico, il luqaymat, talvolta speziato con cardamomo o zafferano, è cambiato poco da allora.

Per la preparazione dei lokma sono necessari farina per dolci, lievito, sale da cucina, latte, acqua (per ottenere un impasto fluido da amalgamare bene e lasciar riposare per qualche ora). Scaldare in una padella a bordi alti una grande quantità di olio extravergine d'oliva e versarvi velocemente a piccole cucchiaiate l'impasto, formando delle palline, con l'accortezza di immergere ogni volta il cucchiaio in un bicchiere con dell'acqua. Le palline si gonfiano subito e, non appena dorate, occorre girarle e poi con una schiumarola porle a scolare su carta assorbente. Accomodarle sul piatto da portata e cospargerle di miele, granella di mandorle e cannella in polvere.

Spostandoci ancora arriviamo in Canada, dove la parola timbit è un gioco di parole sulla parola "tidbit" (un pezzo delicato o un boccone di cibo). A partire dal 2009 sono disponibili in vari gusti che differiscono da negozio a negozio. I gusti includono glassato al cioccolato, ripieno di gelatina, salsa al miele, glassato alla panna acida, semplice vecchio stile, glassato vecchio stile, mirtillo, fragola, lampone, limone, sidro di mele, arancia-mandarino, caramello cremoso, torta di ciliegie, zucca, cocco tostato e frittella di mele. 

Altre catene di ciambelle in Canada e negli Stati Uniti vendono prodotti praticamente identici, spesso chiamati "buchi di ciambelle". La maggior parte dei canadesi utilizza generalmente il marchio Timbits per designare il prodotto, mentre i canadesi francofoni preferiscono utilizzare il termine generico "trous de beigne". Nelle località francofone di Tim Hortons, tuttavia, vengono ancora chiamati timbits.

Le buñuelos de viento sono delle deliziose palline fritte molto saporite. Se dovessimo tradurre il nome della ricetta potremmo usare senza dubbio “frittelle al vento” in quanto sono davvero leggere come il vento. Vengono chiamate così perché sono delle nuvolette soffici, praticamente vuote al loro interno e ciò le rende anche molto versatili in quanto possono essere farcite a piacimento con creme o marmellate.

Queste frittelle golose faranno la gioia di grandi e piccoli! Questa ricetta è semplicissima da fare, non richiede levitazione ed è perfetta da realizzare quando si vuol fare una pausa sfiziosa. Il profumo di queste deliziose frittelline vi delizierà in quanto sono molto aromatiche grazie alla presenza della cannella e dell’anice stellato.

In vietnamita, il termine bánh - traducibile approssimativamente come "torta" o "pane" - designa un'ampia varietà di cibi preparati. Con l'aggiunta di aggettivi qualificativi, bánh si riferisce a un'ampia varietà di torte, focaccine, pasticcini, panini e altri generi alimentari caratteristici, dolci o salati, che possono essere cotti al vapore, al forno, mediante frittura, frittura profonda o bollitura. I cibi fatti con farina di riso o di frumento sono chiamati generalmente bánh, ma il termine può riferirsi anche a certe varietà di piatti di torte a base di pasta o di pesce, come il bánh canh e il bánh hỏi.

Ogni varietà di bánh è designata da una parola o espressione descrittiva che segue la parola bánh, come bánh bò (letteralmente "torta di mucca" o "torta strisciante") e bánh chuối (letteralmente "torta di banana"). I bánh che sono avvolti in foglie prima di essere cotti al vapore si chiamano bánh lá (letteralmente "torte di foglia"). Nel nostro caso specifico i bánh ran sono palle di sesamo e riso glutinoso fritte ripiene con pasta di fagioli cinesi addolcita, tipiche del nord del Vietnam.

Photo made in AI

Dopo la laurea in Lettere Antiche segue la passione per la cucina non smettendo mai di approfondirne l'essenza sia nella pratica che nell'approfondimento degli aspetti storici. Oggi cura varie attività che cura in qualità di chef e libero professionista, supportando diverse tipologie di aziende.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli