Ordinare cibo in spiaggia

Da oggi si può, grazie ad un’app sviluppata da alcuni imprenditori romagnoli che permette di fare ordinazioni sotto l’ombrellone

Ordinare cibo in spiaggia

L’estate è sinonimo di tempo di vacanze in spiaggia sotto l’ombrellone per chi ama il mare! Le più attrezzate località di riviera possono contare sulla presenza di stabilimenti balneari che offrono ai turisti i servizi più diversi. Da quelli basic come le docce in spiaggia, le cabine, i gazebo di ispirazione orientale, ai più creativi servizi di baby sitting e pet-friendly. Non mancano un po’ ovunque attività dedicate, come gli incontri con gli autori sulle terrazze affacciate sul mare, i massaggi a due passi dalla riva, le lezioni di acqua gym o di surf, per chi vuole tenersi in allenamento anche in vacanza e per chi desidera accostarsi ad uno sport sempre più frequentato.

Quest’anno, in Romagna, esiste per i vacanzieri una comodità in più. Perché il relax possa essere totale, alcuni imprenditori della regione hanno sviluppato un progetto che porta le possibilità del web direttamente su sdraio e asciugamani, in quel che si potrebbe definire il nuovo "beach delivery"!

Attraverso un’applicazione studiata ad hoc, i turisti possono ordinare il cibo con lo smartphone. L’app si chiama Sandrink e rappresenta un punto di riferimento non solo per i bagnanti ma anche per i gestori degli stabilimenti balneari e dei locali che si trovano nei pressi. Una comodità per tutti, insomma.

Si scarica gratis ed è già disponibile per iOs e Android, è semplicissima da usare, come la maggior parte delle app di questo genere e, per i ristoratori, è sicuramente un modo per guadagnare clienti, migliorando anche l’offerta. I turisti ricevono il pranzo completo o uno spuntino ma anche semplicemente da bere, direttamente sotto l’ombrellone. Si può pagare on line, con carta di credito oppure al momento della consegna.

L’intuizione ha trovato realizzazione presso alcune località della Romagna, ma gli imprenditori che hanno sviluppato l’applicazione intendono promuoverla anche altrove, magari allargando il campo d’azione alle più rinomate località estere. Un affare non da poco, se si considera l’incremento del ricorso, da parte degli utenti del web, a questo genere di servizi.

Intanto una delle più importanti società britanniche impegnate nella distribuzione di cibo on line, ha avviato la propria attività in 14 località di mare italiane. A cogliere un’opportunità del genere saranno presto in tanti, tra i gestori di servizi di consegna di cibo a domicilio.

Il ritornello di una vecchia canzone è destinato a trasformarsi: “Per quest’anno non cambiare: stessa spiaggia, stessa app”.   


Fonte: Gambero Rosso

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli