L’estate ideale in tavola

Quali sono le buone abitudini che nella stagione calda non dovremmo mai perdere di vista per non appesantirci durante i pasti?

L’estate ideale in tavola

Adeguare le abitudini alimentari al clima estivo è quanto mai consigliabile, se si vogliono cogliere al meglio tutte le opportunità che la bella stagione offre, senza appesantire l’apparato gastrointestinale.

Un pasto consumato in spiaggia, accarezzati dalla brezza marina, è un momento di impareggiabile relax, che allontana totalmente anche dal solo ricordo dello stress accumulato al lavoro durante l’anno. E’ quanto di più semplice si possa pensare di fare per regalarsi del benessere. Ma qual è il menu perfetto per un pranzo o una merenda al mare?

Innanzitutto è bene portare con sé, insieme con la stuoia, il cappello e l’ombrellone, una borsa termica abbastanza capiente da contenere, oltre al cibo, anche dell’acqua (almeno 2 litri a testa). In spiaggia bere è un imperativo categorico, per conservare la normale idratazione del corpo e scongiurare colpi di calore.

Soprattutto nelle ore centrali della giornata, durante le quali non bisognerebbe esporsi al sole. Mangiare al riparo dell’ombrellone, magari con un bel cappello sulla testa, è una buona soluzione.

La frutta non deve mai mancare in questi casi, per l’apporto di vitamine e sali minerali che il suo consumo garantisce. Ai più piccoli meglio offrire frutta fresca piuttosto che bevande industriali, di solito eccessivamente zuccherine. In alternativa si può pensare di preparare delle spremute di agrumi oppure dei frullati di frutta a casa, in vista della giornata da passare in spiaggia.

Quanto al pranzo vero e proprio, i piatti da privilegiare sono le insalate di pasta o di riso, magari evitando gli ingredienti sott’olio e la maionese, alimento facilmente deperibile. Anche un’insalata di farro, condita con pomodorini e verdure varie e un cous cous, possono essere un’ottima opzione per il pranzo da consumare al mare. I tramezzini sono sempre una scelta molto popolare e azzeccata, perché si preparano facilmente (magari preferendo il tonno ai salumi, per la farcitura), e sono comodi anche da consumare. Per la merenda, cocomero, ananas e melone, magari tagliati a cubetti, in un contenitore in vetro, sono ottimi.

A questo punto è facile comprendere quali siano i cibi da tenere fuori dal menu di una giornata in spiaggia: tutti gli alimenti facilmente deperibili, come i salumi, i latticini, gli yogurt, i formaggi molli, eccetera. Avrete tempo di consumarli a casa, come le bevande alcoliche. Al sole non sono l’ideale, così come non lo sono i cibi venduti da commercianti improvvisati, senza una regolare licenza. Attenzione dunque a carretti e gelatai ambulanti, accertatevi che siano autorizzati.


Fonte: Tgcom24

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli