L’avventura thai di Urbani Tartufi

L’azienda sbarca a Bangkok con un nuovo ristorante dallo scenario eccezionale

L’avventura thai di Urbani Tartufi

Ha aperto poche settimane fa, al trentanovesimo piano di uno dei palazzi più belli di Bangkok (il Sathorn), l’Urbani Truffle Bar & Restaurant, che mira ad espandere il successo e la fama della storia di una famiglia che ha fatto del tartufo la propria missione di vita.  Se il layout degli ambienti è stato interamente dettato dai vertici aziendali, è grazie al fiuto per gli affari di Roberto Ugolini e alla sua passione per la buona cucina che è nata una vera connessione con la proprietà, dopo le sue esperienze con vari ristoranti di successo.

 “Portare nel mondo il brand Urbani è per me motivo di grande orgoglio”  racconta Ugolini. “Volevo da tempo realizzare una ristorazione ad altissimo livello e quando Olga Urbani mi mostrò il progetto, ne rimasi folgorato, e da quel giorno non ho smesso un attimo di impegnarmi nel realizzare questo sogno comune”.

La serata d’inaugurazione, svoltasi il 3 settembre scorso, ha costituito un appuntamento imperdibile per tutti i VIP asiatici pazzi per il tartufo, arrivando a contare oltre 600 presenze.

Il menù prevedeva ostriche, aragoste, foie gras e caviale, sapientemente abbinati al sapore del tartufo in ricette realizzate da un team di chef stellati.

“È stata una di quelle gioie che rimarranno scolpite nella memoria”, ha dichiarato Olga Urbani, “Mentre visitavo le diverse aree del ristorante, ho visto scorrere tutte le immagini di una vita d’azienda e di famiglia che mai si sono disgiunte e che continuano a seguire un percorso di crescita che non perde mai in passione ed entusiasmo, nell’incessante ricerca di innovazione e qualità”.

Una storia tutta italiana, dal lieto fine che val la pena raccontare.

 

Fonte: Lusso Style 

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli