La Casa Portuguesa Do Pastel De Bacalhau

In Portogallo il turismo enogastronomico passa dalla visita di speciali case che offrono crocchette di baccalà artigianali e vino Porto

La Casa Portuguesa Do Pastel De Bacalhau

In Portogallo uno degli street food più amati è il pastel de bacalhau: la parola “pastel” (o “bolinho” nel nord del paese) viene spesso tradotta come “pasticcio”, “frittella”, ma in realtà l’aspetto è in tutto e per tutto quello di una grossa crocchetta, composta da patate bollite e schiacciate mescolate con baccalà, uova, prezzemolo e olio d’oliva

Il primo spazio che prende il nome di Casa Portuguesa do Pastel de Bacalhau fu aperto nel 2015 in Rua Augusta, a Lisbona: è da qui che è partita l’idea di celebrare e far conoscere a tutti il delizioso e inaspettato incontro di sapore tra il baccalà e uno speciale formaggio DOP locale, ovvero il Serra da Estrela. Un abbinamento che prende spunto dal Tratado de Cozinha e de Copa scritto da Carlos Bento da Maia agli albori del Novecento e rappresenta solo uno dei tanti spunti creativi per gustare il baccalà nell’inconfondibile stile portoghese: si narra che in questa nazione esistano almeno 365 ricette (anzi, c’è chi dice 1001) a base di baccalà, essendo uno dei prodotti più amati sulle loro tavole). 

La Casa Portuguesa Do Pastel De Bacalhau consente di vivere l’irripetibile esperienza di gustare un pastel al baccalà e formaggio fatto a mano rigorosamente davanti a voi: caratteristica dei locali è infatti quella della preparazione fresca e a vista del prodotto, che è davvero bello osservare e fotografare per avere un ricordo in più di una splendida esperienza di viaggio. Inoltre, la Casa Portuguesa Do Pastel De Bacalhau propone di vivere ancor più a pieno questa esperienza di gusto accostandovi un bicchiere di vino Porto locale da sorseggiare, prodotto nella celebre zona vinicola del Douro. 

L’impiego di un formaggio come il Serra da Estrela garantisce la tutela di una specialità casearia che si ricava dal latte di alta qualità delle pecore di razza Bordaleira, la principale razza ovina allevata in Portogallo, il cui numero di capi è in riduzione a causa dell’abbandono della professione dei pastori. Mangiare un pastel alla Casa Portuguesa garantisce così il suo sostegno ai pochi allevatori e trasformatori che ancora oggi portano avanti con caparbietà la sopravvivenza di questa prelibatezza tradizionale che vanta almeno 1300 anni di storia.

Non solo Lisbona: ad oggi, mentre sarete in viaggio tra strade, litoranee, bellezze naturalistiche e città portoghesi, potrete trovare sedi della Casa Portuguesa do Pastel de Bacalhau anche a Porto, ad Aveiro, a Cascais, a Óbidos. Nel 2022 il concept ha ricevuto il Travel & Hospitality Award in ambito europeo come meta più che consigliata per turisti buongustai: certamente merito anche del comodo e colorato piatto take away che funziona "a incastro" della crocchetta e del bicchierino di Porto (lo abbiamo fotografato per voi nell'immagine d'apertura di questo articolo) e che rende perfettamente comodo il consumo in strada. 

Photo by Sara Albano


Fonte: Casa Portuguesa do Pastel de Bacalhau

Scritto da Sara Albano

Laureata in Scienze Gastronomiche , raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi a Parma (dopo aver frequentato il liceo linguistico internazionale), conseguendo in seguito alla laurea magistrale un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e frequentando infine il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania. Dopo questa esperienza ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl, , dove riesce ad esprimere la propria passione per il mondo dell'enogastronomia e della cultura alimentare in diversi modi, occupandosi di project management in ambito di promozione, eventi e consulenza per la ristorazione a 360°, oltre ad essere referente della comunicazione on e offline di Fabio Campoli e parte del team editoriale della scuola di cucina online Club Academy e della rivista mensile Facile Con Gusto.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli