Gelato gastronomico

Dal radicchio al pomodoro e basilico, fino al latte di bufala e pepe del Madagascar, il gelato gourmet conquista i palati dell’estate 2019

Gelato gastronomico

Il gelato al cioccolato è un intramontabile classico, come quello alla crema. Meglio se a completarne il profilo c’è anche una bella virgola di panna, in cima; eppure il trend del momento è il cono salato. Non certo nei costi, ma nel gusto. Dall’olio extravergine d’oliva al radicchio, passando per lo zenzero, le possibilità sono tante, suggerite quasi tutte dalla tradizione culinaria mediterranea.

Il cono gastronomico è il pezzo forte delle gelaterie più aperte alle nuove tendenze e sembra essere il grande protagonista della stagione estiva 2019.

Tra i gusti più gettonati, come rilevano i maestri gelatai, la crema di carote con mandorle e pistacchi, la rapa rossa e le coppie zenzero e pane e burro e marmellata.

Per chi ama le sperimentazioni più estreme le proposte prevedono delizie ai formaggi fermentati come il gorgonzola e ai latticini dop come le gustosissime mozzarelle di bufala. Nelle grandi città, come Roma e Milano, c’è chi si è spinto, con il gusto, sulle montagne dell’Himalaya, realizzando un cono gelato colmo di caramello al sale himalayano e Mascarpone.

E se entrate in una di queste gelaterie, sappiate che nessuno vi guarderà con espressione interrogativa se chiederete una coppa di gelato al latte di bufala e pepe rosa del Madagascar o al Pino Mugo delle Dolomiti. Non sapete cosa sia? E’ un albero che si presenta sotto forma di cespuglio, con tantissimi aghi e pigne profumate. Dal bosco al piatto il passo è breve. Ricco di proprietà salutari, il pino mugo è entrato di diritto nei menu della cucina gourmet ed ora anche nelle vaschette d’acciaio in gelateria, accanto agli altri gusti.

Preparare un buon gelato gastronomico non è semplice, bisogna saper calibrare bene gli ingredienti, mantecarli nella maniera giusta, per ottenere una materia dalla struttura perfetta. Il pioniere del gelato salato fu Enzo Vannozzi, maestro gelatiere di Viareggio che, nel 1973 propose il gelato alle zucchine, con grande successo. In ogni caso, che sia tradizionale (i gusti più richiesti continuano ad essere il pistacchio, la nocciola, la stracciatella, il caramello, oltre che la crema e il cioccolato) o salato, il gelato resta un prodotto al quale è difficile rinunciare, soprattutto d’estate.

Da gustare comodamente seduti ad un tavolino o mentre si passeggia, il cono è il veicolo ideale per regalarsi un momento di spensierata golosità.


Fonte: ANSA

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff in costante elaborazione e ricerca di informazioni utili e attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi

Altri articoli