Trippa alla maniera di Oporto

Il poeta e scrittore portoghese Fernando Pessoa scrive versi fortemente metaforici ispirandosi al suo piatto preferito, la trippa

Trippa alla maniera di Oporto

Ricorrerà a breve l’anniversario della morte di Fernando Pessoa (13 giugno 1888 - 30 novembre 1935, Lisbona), poeta portoghese singolare, la cui genialità ritroviamo espressa anche intorno al cibo, attraverso il brano “Trippa alla maniera di Oporto”. Questa ricetta, che rappresenta il piatto più amato da Pessoa, funge da ispirazione per dar vita ad una poesia piena di metafore, che contiene riflessioni sull’amore e sull’infanzia. Il poeta “ordina amore”, che, proprio come la trippa alla maniera di Oporto, andrebbe servito e consumato caldo (come un amore corrisposto), ma nella vita può capitare anche di gustare terribilmente freddo, portando a sentimenti di delusione e disillusione: da qui il paragone parallelo con il disincanto che segna la fine del periodo infantile di un essere umano. 


Trippa alla maniera di Oporto

Un giorno, in un ristorante,
Fuori dallo spazio e dal tempo,
Mi hanno servito amore
Sotto forma di un piatto di trippa fredda.
Pacatamente ho detto al cameriere
Che l'avrei preferita calda
Che la trippa (alla moda di Porto)
Non viene mai mangiata fredda.
Si sono stizziti.
Uno non può aver ragione neanche al ristorante.
Non l'ho mangiata, non ho chiesto altro, ho pagato
E sono uscito a passeggiare per strada.
Chissà cosa significa tutto questo?
Sono il primo a non saperlo, ed è successo a me...
(Lo so bene che nell'infanzia di ognuno di noi
C'è stato un giardino
Privato o pubblico, o del vicino.
Lo so bene che giocarvi dentro ce lo ha fatto sentire nostro.
E che oggi resta solo tristezza).
L'ho capito molte volte.
Ma, se ho chiesto amore, perché mi hanno portato
Trippa alla moda di Porto fredda?
Non è un piatto che si mangia freddo.
Ma me lo hanno portato freddo.
Non ho protestato, ma era freddo.
Non andrebbe mai mangiato freddo, ma era freddo.


Fernando Pessoa

Scritto da Sara Albano

Laureata in Scienze Gastronomiche , raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi a Parma (dopo aver frequentato il liceo linguistico internazionale), conseguendo in seguito alla laurea magistrale un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e frequentando infine il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania. Dopo questa esperienza ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl, , dove riesce ad esprimere la propria passione per il mondo dell'enogastronomia e della cultura alimentare in diversi modi, occupandosi di project management in ambito di promozione, eventi e consulenza per la ristorazione a 360°, oltre ad essere referente della comunicazione on e offline di Fabio Campoli e parte del team editoriale della scuola di cucina online Club Academy e della rivista mensile Facile Con Gusto.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli