Copyright del sapore

Vi è mai capitato di assaggiare due prodotti in commercio dal sapore pressoché identico?

E’ quel che è accaduto all’azienda olandese Levola, produttrice e detentrice dei diritti di proprietà intellettuale della specialità casearia spalmabiledenominata Heksenkaas. Il rilevamento sul mercato della presenza di un prodotto estremamente similare, a marchio dall’azienda connazionale Smilde, ha portato Levola a trascinare quest’ultima in tribunale per presunta violazione del copyright

Sulle etichette dei due formaggi spalmabili figurano praticamente gli stessi ingredienti, la ricettache si segue per la produzione è identica, e ne deriva che anche il gusto dei due prodotti sia estremamente similare.

E secondo il management di Levola, ciò sarebbe stato sufficiente a formulare la propria accusa di plagio verso la Smilde, alla quale è stato richiesto dalla prima il ritiro della referenza concorrente dal mercato di riferimento. 

Dopo lunghi dibattiti, la corte d’appello olandesedi Arnhem-Leeuwarden ha scelto di rimettere ogni decisione nelle mani della corte di giustizia dell’Unione Europea, dal momento che la diatriba primaria si è instaurata intorno ad una questione principale: il sapore di un alimento può davvero beneficiare di tutela in forza dei diritti d’autore sulla ricetta?

Dai giudici di Bruxelles è arrivata una risposta alla domanda, che da molti è stata ritenuta deludente. E’ stato infatti sancito che “per essere tutelato dal diritto d’autore, il sapore di un alimento deve poter essere qualificato come opera, identificabile con sufficiente precisione e obiettività”.

Una sentenza che possiede i suoi fondamenti nell’evidenza che, se il gusto di un alimento deriva da sensazioni soggettive, è impossibile che questo possa essere valutato in base a parametri oggettivi. Gli stessi, questi ultimi, che si renderebbero invece fondamentali a distinguerlo dal sapore di altri prodotti similari, come accade nel caso di un dipinto, una canzone o una pellicola cinematografica. 

Non basta dunque avere tra le mani una ricetta che coincida con una creazione intellettuale originale, ma è necessario ricercare caratteristiche chiare e inappuntabili per consentire l’identificazione chiara di un prodotto coperto da diritti d’autore.

Un vincolo troppo grande anche per venire possibilmente in aiuto degli autentici prodotti made in Italy a marchio DOP/IGP, tutelati e definiti dai disciplinari produttivi, ma comunque caratterizzati da una variabilità di prodotto contraddistinta dal nostro irrinunciabile stile artigianale.

Fonte: foodweb.it

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff alla costante ricerca di informazioni utili e notizie attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi